La resistenza alla forza veloce

La reiterazione della forza esplosiva.

La resistenza alla forza veloce (RFV) può essere definita come la capacità di reiterare nel tempo azioni rapide di FE conservandone, il più a lungo possibile, valori molto prossimi a quelli iniziali.
La RFV risponde alle esigenze di quelle specialità sportive dove azioni dinamiche di FE si susseguono nel tempo.

Gli sport di squadra e quelli da combattimento ne sono un esempio.

Nella pratica i parametri da rispettare per lo sviluppo della RFV sono:

  • i carichi da utilizzare si aggirano tra il 20% ed il 50% del CM
  • è sconsigliato utilizzare, all’inizio delle serie (che hanno durata superiore ai 20 secondi), potenze superiori al 90% al fine di evitare l’insorgenza precoce della fatica.

Secondo Bosco il miglioramento della forza massimale, della FE e della RFV deve avvenire non a tappe ma in contemporanea. Questo perché si cerca di sfruttare le forti correlazioni che esistono tra Fmax, FE e RFV.
Il concetto di base di questo metodo è quello di stimolare nello stesso tempo più proprietà biologiche, per migliorarne le capacita funzionali.
Queste proprietà devono essere sollecitate al massimo delle loro possibilità, attraverso stimoli mirati e specifici (Bosco, 1985).
Diventa importante determinare, per ogni atleta, il numero delle ripetizioni da eseguire;
ciò significa sviluppare e somministrare allenamenti diretti e controllati, cosi da evitare sollecitazioni di proprietà fisiche non desiderate ed i relativi adattamenti biologici (Bosco, 1997, pp. 180-181).

BIBLIOGRAFIA

  • Aa. Vv., Gli Esercizi della pesistica, SSS, Roma, 2003.
  • Aa. Vv., Il potenziamento muscolare. Aspetti scientifici e applicazioni pratiche, SSS, Roma, 2002.
  • Bosco C., Elasticità muscolare e forza esplosiva nelle attività fisico sportive, SSS, Roma, 1985.
  • Bosco C., La forza muscolare. Aspetti fisiologici ed applicazioni pratiche, SSS, Roma, 1997.
  • Bosco C., Viru A., Biologia dell’allenamento, SSS, Roma,1996.
  • Falcinelli F., Metodi moderni di allenamento per la preparazione dei pugili, SSS, Roma, 1985.
  • Harre D., Teoria dell’allenamento, SSS, Roma, 1985.
  • Mela N., Scioti M., Boxe. Sparring condizionato, Ed. Cerboni, 1991.
  • Schmidt R.A., Wrisberg C.A., Apprendimento motorio e prestazione, SSS, Roma, 2000.
  • Verkhoshansky Y., Mezzi e metodi per l’allenamento della forza esplosiva. Tutto sul metodo d’urto, SSS, Roma, 1997.
  • Vittori C., L’allenamento delle specialità di corsa veloce per gli atleti d’élite, CSR, Roma, 2004.